Zoe Williams

Palazzo Vidoni:

Living Currency platter, 2022, ceramica smaltata, cm 50 x 30. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Minne di Saint Agatha platter, 2022, ceramica smaltata, cm 51 x 35. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Saint Agatha’s platter with serpents, 2022, ceramica smaltata, cm 54 x 37. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Heel & shit, 2022, ceramica smaltata, cm 19 x 10 x 8. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Flesh and lime slipper, 2019, ceramica cotta invetriata, con riflessi dorati e perlati, cm 7 x 23 x 9. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan

Heel & salami, 2022, ceramica smaltata, cm 25 x 12 x 9,5. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Algol’s Confidant, 2021, ceramica smaltata, muschio, cm 40 x 23 x 18. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Candy venus and pink squid dream haemorrhoid table lamp, 2022, lampada in ceramica smaltata e vetro vintage, cm 70 x 30 x 30. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Silver O II, 2017, argento fuso, cm 0,5 ø cm 2. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Palazzo Affaitati:

Algol’s Mistress, 2021, ceramica smaltata, cm 50 x 48 x 22. Courtesy of the artist and Ciaccia Levi, Paris – Milan.

Zoe Williams (1983, UK) impiega diversi mezzi espressivi, tra cui l’installazione, il video, la ceramica, il disegno e la performance, che insieme contribuiscono a definire l’immaginario poetico dell’artista, tra sensualità, misticismo, ritualità, e paradigmi soprattutto femminili. Questa varietà tecnica e tematica le permette di lavorare su uno spettro creativo chiaramente multidimensionale. Oltretutto, la pratica di Williams prevede spesso il coinvolgimento di altri artisti, provenienti da discipline come la danza o il cinema, arricchendo così il processo creativo di prospettive eccentriche rispetto alle arti visive. Gli scenari e gli oggetti in cui questi si collocano sono spesso caratterizzati da un dialogo giocoso ed esplicitamente provocatorio. Le opere di Williams sono sospese nel tempo e nello spazio; parlano delle trasformazioni culturali e sociali che determinano la nostra percezione del mondo e dei meccanismi relazionali che lo determinano.

Mostre principali: Fraeme, La Friche la Belle de Mai, Marsiglia / Tate St-Ives, The Roberts Institute of Art, Londra / DCA, Dundee, Spike Island, Bristol / Dortmunder Kunstverein, Dortmund / Mimosa House, Londra / Le Crédac, Ivry-Sur-Seine, Villa Arson, Nizza / Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino. Le sue opere fanno parte della collezione FRAC Nouvelle-Aquitaine La Méca in Francia e della Collezione Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, Italia.