RobolottiSei

[…] La stampa, la grande invenzione del XV secolo, era infatti arrivata abbastanza presto a Cremona, attirata da un vivace ambiente culturale che ci è testimoniato sia dalla presenza di una scuola di umanità dove insegnavano buoni maestri, che dalla quantità e dalla ricchezza di codici manoscritti posseduti dalla biblioteca del Capitolo della Cattedrale e dalle biblioteche dei conventi degli Agostiniani, e Domenicani, dei Francescani. Al 1473, e quindi al primo periodo della diffusione della stampa in Italia, risale il più antico libro edito a Cremona: è un libro di diritto, un commento alla prima parte del Digesto nuovo, scritto in latino da Angelo Ubaldi di Perugia, un giurista del secolo precedente, e stampato dai tipografi Dionigi Parravicino da Como e Stefano Merlini da Lecco.

da C. Bertinelli Spotti e M.T. Mantovani, Cremona: momenti di storia cittadina, 1985.

Lo studio di restauro Manara Perni è stato fondato nel 1992 da Luciana Manara ed Enrico Perni ed è riconosciuto dal Ministero dei Beni Culturali. Lo studio è specializzato nella conservazione e nel recupero di dipinti su tela e tavola, policromie e dorature. Si è occupato del restauro di molte opere del patrimonio artistico cremonese, tra cui le sculture lignee di Giacomo Bertesi della Cattedrale, il crocifisso del Battistero annesso, la policromie lignee delle chiese di Sant’Abbondio, San Pietro al Po, San Michele e Santa Maria Maddalena, oltre a diversi dipinti dei fratelli Campi. Nel 2018, in collaborazione con Elena Dagani, Luciana Manara ed Enrico Perni aprono la galleria Robolottisei, dedicata alle incisioni antiche.